HOME PAGE JANULA CASSINO NOTIZIE GENTE UNIVERSITA' BLOG AFFARI EVENTI AIUTO! Accesso Area Riservata Cittadini di Janula Accesso Area Riservata Operatori Aumenta la dimensione dei caratteri
Main Page Blog
Scelta dei Blog
Ultimi 100 Blog
Ultimi 100 articoli
Top 100 Blog!
Blog per Categoria
Indefinibile
Cultura
Lavoro
Passioni
Personale
Scrittura
Società
Gestione dei Blog
Crea un nuovo Blog
Scrivi sul tuo Blog
Registrazione a Janula.it
Registrazione come Cittadino di Janula


Username:  Password:  
Password dimenticata?   Registrazione Nuovo Utente 


THE DREAMTIME
UN TRIP IN UNO SPAZIO TEMPO PARALLELO
Blog di Marluna3001
Consultato 38885 volte

IL POPOLO DELLA LUCE

INDIVIDUI,
CREATURE DISPOSTE A PIANGERE
FINO ALL'ULTIMA LACRIMA,
A FARSI TRAPASSARE
MILLE E ANCOR MILLE VOLTE
FINO AD ABBANDONARSI A MORTE CRISTIANA
PUR DI GIUNGERE ALLA LORO APOCALISSE
SPINGENDOSI
FIN SULLE SOGLIE DELL'ALBA
DI QUELL'ALBA
IN CUI SAREMO CHIAMATI
IN CORPO, SPIRITO, ANIMA,
A VITA VERA IMMORTALE


 

QUANDO SI RAGGIUNGE IL PRESENTE

Il passato diventa passato
quando come ora
si sta raggiungendo il
PRESENTE

Spiegazioni???

La vita si vive al presente...
A che servono le spiegazioni?

Ora si è seduto il vento
il mio sguardo è rimasto appeso al cielo
sugli occhi c`è il sole
nel petto resta un pugnale
e no
non scaglierò mai più la lancia
per ferire l`orizzonte
per spingermi al di là
per scoprire ciò che solo Iddio sa.

Et Erigat Velum

Attimo dopo Attimo seguo il processo
di questo Tempo a Termine

Ho sentito e sento
il pugnale entrare a fondo nel mio cuore
e ricordo passato e futuro

'Sono venuto a portare la spada'

Sento i sette spadini
nel cuore dell'Addolarata
per il Mondo che marcisce
nel sangue, nella menzogna, nel dolore,
negli inganni con cui inganniamo noi stessi

Ho vissuto e vivo l'esclusione
dei diversi, degli out siders,
degli artisti
che non possono esimersi
dal lanciare il loro URLO
quell'URLO che Munch ha dipinto
ed Antonin Artaud cantato

Sento le mie carni dilaniate
dall'orrore di una vita da incubo
che si traduce in una continua guerra insulsa

Guerra degli elementi
scatenati dalla nostra inconsapevolezza
quella cieca si

Guerra dei sessi, delle razze...

Guerra in noi tra corpo e anima
nel peregrinare
nei labirinti delle vite concentriche
finchè non ci connettiamo
con lo Spirito Superiore

La consapevolezza
mi ha connesso al mio Spirito Superiore
e mi sento al sicuro nel cuore del Padre
che si compiace di accogliere tra le sue braccia
nel palmo della sua mano
chiunque lo chieda

E continuerò a spingermi
su questa Via dei Canti
dove i nostri nomi
sono scritti ab origine
a lettere di fuoco
E' questa VOCAZIONE
Forte in Me come in tanti
Un piccolo esercito
IL POPOLO DELLA LUCE.

 

UN ATTIMO D'INFINITO

Poter fermare il tutto

in un attimo d'infinito

per il poco che resta

di questa lunga notte

squassata da sussulti

sazi d'amore e morte

 

IL TEMPO DELLA GUERRA E DELLA DITTATURA

APPASSIONATI CRATERI
SOMMERSI DA ACQUE RESE MEFITICHE DALL'ODIO,
RIBELLI ALLA VENDETTA,
URLANO BRANDELLI DI CANTI
SULL'ESSENZA SPIRITUALE DELLA MATERIA,
GRONDANTI DI SPERANZE DI DELIZIE,
FLUTTUANDO IN GIARDINI DI CORALLI ,
RICOLMI DI SUBLIMI CERTEZZE DI LUCE,
MENTRE SU SPIAGGE MELMOSE
SI MUOVONO I RESTI DI UN MONDO
DOVE ANCORA NON SI E' ESTINTO
IL TEMPO
DELLA GUERRA E DELLA DITTATURA.

 

ADIEU, TERRA INCOGNITA! REMEMBER ME!!!!

Emigranti
su un Pianeta Crudele
ci muoviamo alieni
senza appartenere a nulla

Dov'è la nostra casa?
Dove la Terra
nel cui grembo
riposeremo?

Ogni essere
ha suoi propri
confini e limiti
ma tutti ci guida
Amore
verso una comune Patria
dove si dissolvono
i nostri personali
confini e limiti
in una stessa incommensurabile
Luce.

Non si può sfuggire al dolore
che scioglie
i nostri cuori di pietra
Una improcastinabile tempesta
grava sulle nostre spalle
inondandoci di lacrime
che decompongono le carni
immemori dell'etericità
occluse da una materica
solitudine morale

Un innaturale sole
illumina spietato
le nostre sofferenze
scavando sorrisi
nelle crepe delle inquietudini

Chiusa in un'abside a cielo aperto,
scavata dalle urla del vento
dentro rocce rosso sangue,
tremo
tra i fratelli addormentati
in un sonno di morte
in attesa della Gloria
Stelle danzanti
cadono ai miei piedi
disegnando geroglifici
nella sabbia
che si apre in vortici
di scenari
di tempi e spazi
vissuti e da vivere
ingoiandomi
in un viaggio che in volo
mi trasporta
nel non quando
dove vivo sogni di vita presente
tra passato e futuro

Adieu, Terra Incognita!
Remember me!

 

LA CITTA' CAPOVOLTA

"Andiamo allora?"
"Dove?"
"Tanto per cominciare nella Città Capovolta"
"La Città Capovolta?"
"La Città Capovlta! C'era una volta! Non era proprio una città. Non era proprio capovolta. Ma che c'era è certo, perchè c'è anche ora e ci sarà sempre."
"Oh! Guarda! Un Uccello! Due! Tre! Quanti! Piccoli. Grandi. Semi piccoli. Semi grandi. Bianchi. Neri. Rossi. Gialli. Verdi. Arcobaleno. Un piccolo esercito. Da dove sbucano?"
Dalla Citta Capovolta
Strane crea ture abitano nelle sue imperscrutabili viscere.
Sono i Signori indiscussi di quel capolavoro di architettura
che sa affondare nel Cielo come librarsi nelle Acque.
Alte torri. Soffitti a volta. Budelli. Corridoi. Mura diroccate di antichi Templi distrutti da antiche folgori.
Stanze senza porte nè finestre.
Colonne. Graffiti. Ideogrammi scolpiti su mura di Castelli mutati in Rocce. Figure di sabbia.
Cosmogonie disegnate su pavimenti di ganito giallo. Geometrie prive di ogni matematica su pareti oblique di vetro soffiato. Dipinti raffiguranti re e regine, divinità animali e similumane, eroi e sacerdoti, stregoni e maghi, sacrifici e fascinazioni, occhi trafitti da lance e cuori spezzati, pescatori e guerrieri, contadini e veneri, angeli cavalieri e volanti dame,eserciti di ombre e creature in armatura. Essi fanno bella mostra di sè su bare di cristallo vuote, abbandonate in cimiteri d'acqua, circondati da giardini pensili, adornati di composizioni astrali di conchiglie opalizzate e da terrazze che si librano sghembe asimetricamente l'una sull'altra, su su, quasi a toccare il Cielo perennemente viola.
Lì intorno sinuose forme di ninfe danzanti appaiono e scompaiono nell'aria lasciando luminose scie
di argentei pulviscoli che danzando si vanno a depositare in forma di geroglifici, subito cancellati dal vento, sulle astratte costruzioni in pietra grigia, granito rosa, tufo nero, sabbia rossa, marmo bianco, opali e conchiglie multicolori, oro giallo.
Nel centro, nel cuore della Graziosa Signora, come gli uccelli amano chiamare l'isola Città Capovolta,
c'è il Deserto Sacro, lì dove si nasconde il segreto delle sette vergini, custodito negli stupefacenti Monumenti Sonori innalzati dalle Termiti nei monoliti cangianti, nei granelli della rossa sabbia di vita,
nelle pozze d'acqua trascendentale, nelle mutanti cattedrali di roccia opera di Vento e Acqua.
Templi tutti di cui è guardiano da tempo immemorabile il popolo dei Filosofi Barbari che piangono e ridono, cantano e pregano, con la voce di una donna e del suo bambino, toni a volte stridenti
come il titntinnio di una musica celestiale, a volte sibilanti come messaggi in codice provenienti da lontani Universi sconosciuti, a volte oscuri come i labirini terrestri intrisi del sangue delle parole segrete rubate, a volte melodiosi come i Dogma Rivelati."
"Guarda! Le pietre del selciato si accendono sotto i nostri passi...E, lì, dietro l'angolo, sotto i nostri sguardi le Piramidi pulsano di raggi ultravioletti ingabbiati nei geroglifici...I labirinti dei contadini killers stanno andando in polvere, gli animali mistici insieme ai pesci filosofi stanno finendo di cancellare il reingresso in corpore agli angeli ribelli....Il Circo dei Mercanti Onniveri, con le sue malsane maleodoranti Arcades, la Paura, i Quiz delle Sfingi, i Pensieri Blù, i contorsionismi sessuali, le depravazioni videomatiche, le pornografie disintegranti digitalizzate, le stragi di innocenti, il già detto, il già scritto, i furti di storie e nomi, le moltiplicazioni di personaggi, le putrescenti matematiche dei calcolatori, .....sta andando in polvere....
Le Acque dell'Eternità già si sposano e i confini tra Cieli e Terre sfumano trascinando nel nulla memorie e dolori, orrori e ferite, peccati e tenebra, colpe e ricatti morali, paure e bugie, delle cicliche esistenze.
Il sole abbraccia con i suoi raggi la Luna e il mare si apre lasciando che il Cielo scenda a coprire le sabbie dei fondi oceanici per fondersi in un amplesso che darà vita a un piccolo nuovo mondo
di Puro Innocente Amore....
"E' questa visione fine principio di vita, batuffolino rosa venuto da Cielo in Terra a Miracol Mostrare."
"Andiamo, allora!"

 

SALVAZIONE - TEMPO NATURALE - TEMPO PSICHICO - TEMPO MOVIMENTO - TEMPO TRASFORMAZIONE - TEMPO MUAZIONE - TEMPI DI GIOCO

LUI - Vieni tra le mie braccia,
batuffolino rosa
Lascia che io ti ami

LEI - Amami come ti amo

LUI - Anche tu

LEI - Guarda
Che sono quelle fiamme?

LUI - E' tutto per finta

LEI - Anche ciò che avviene per finta
ha una sua realtà

LUI - Senti?
L'eco dell'invito dell'Imbonitore di turno:
'Sorridete all'obbiettivo,
tranquilli,
è solo una trappola intorno alla caviglia
varcate questa soglia'

LEI - Sparano ancora

LUI - Ho avuto un'idea
Non scherzo, non ridere
Ho avuto un'idea
Ho pensato di fare un salto da te
dal per sempre
nel per sempre di questo qualcosa più grande del mondo
e di restarci per sempre
Eccomi qua, un brindisi
alla Piramide fonte di ogni conoscenza

LEI - Un attimo, mi sento persa
Come un blocco mentale
E se ci trovassimo in un gioco truccato?

LUI - Un caffè?

LEI - Non voglio perdere il treno

LUI - Fermati qui con me
Sono solo un giocatore sincero

LEI - Mi sento sollevata

LUI - C'è un tempo per tutte le cose
Tutto è perfetto nella sincronicità
di coincidenze e casualità
Tutto sorride con la forza delle stelle
quando ci si ama
I corpi diventano una Mappa
su cui s'impara a riconoscere il Tempo come:
Tempo D' AMORE

LEI - Tempi di Gioco
Tempi Attraversabili
Tempi del Pensiero Mutevole
Tempo Spirituale Immutabile

LUI - Costruire e Distruggere certezze...

LEI - ....fa venire una fame......irresistibile.....

LUI - Aiuta la salute?

LEI - Mi fa tornare sempre nello stesso punto
a trovare nuove prove

LUI - Vedo doppio

LEI - Io triplo, anzi multiplo

LUI - Touchè

LEI - Se vengono altri...altre...per uccidere
non mi chiamare più

LUI - Io ti uccido...
per farti subito risorgere
tra le mie braccia

LEI - Il sole feconda l'uovo
e la vergine concepisce
come l'Emu

LUI - Mi colmi di futuro
dal passato
ora
nel presente
Vieni

LEI - Nell'organizzazione razionale del visibile?

LUI - In incanto e meraviglia

LEI - Dove si realizza il sogno

LUI - Nel nostro fatato microcosmo

LEI - Dove ognuno ha la sua storia
nella storia delle storie

LUI - Angeli

LEI - Voliamo

LUI - Tutto è magico
visto con gli occhi di un bambino

LEI - Gioia

LUI - Un'ombra applaude
dal buio di un palco

 

CONSIDERAZIONI SUL SENSO DELLA SCRITTURA. DELICATO MESTIERE CHE PONE LA CREATURA IN CONTATTO CON IL LOGOS ORIGINARIO.
Mi considero

un'esploratrice del subconscio,

di una sorta di subconscio collettivo

dell'uomo e della donna,

son certa che è lì

la chiave del mistero della vita.

Una perla pulsa in noi.

Sta in questo nodo

il peccato originale,

la cacciata.

Tra i doni che Dio mi ha dato

ho quello della scrittura automatica.

Ciò che scrivo si avvera

In questo la mia scrittura

può essere considerata autobiografica.

Ciò che scrivo

non si muove

nè nel passato,

nè nel futuro.

Si muove in uno spazio tempo parallelo.

Quello del sogno e del presente permanente.

Per questo può essere considerata

una forma particolare

di fantascienza apocalittica.


"Il Pinguino Joseph", per esempio.

Per scriverlo ci ho messo 10 anni

raccogliendo sogni e visioni.

Marluna attende

sulla terrazza del Giardino Pensile

che quella notte del 3001 si avveri

in qualunque momento

di un tempo

intessuto di flash back

di varie vite concentriche.

L'ho finito di scrivere

proprio un attimo prima che,

mentre stavo per morire

sotto una macchina

a Milano

davanti al Teatro

dove stavo recitando

il mio ultimo desiderio,

il divino venisse a salvarmi

per darmi un'altra chance

di viaggio dentro

la Verità.


Voglio cancellare

ogni passata ferita

per essere sempre più libera

e più responsabile di me

come scrittrice.

Delicato mestiere

quello di scrivere.

Se il primo piano

in cui si muove l'essere

è la scrittura,

il secondo il sogno

in cui il Verbo si riflette,

il terzo l'illusione di realtà

in cui ci muoviamo nel quotidiano,

scrivere vuol dire

entrare in contatto

con la Scrittura Originaria

e, quindi, è un momento

di pura estasi .



 

OGGI OGNI ARTE PASSA PER LO SPECCHIO. I MEZZI DI COMUNICAZIONE PUNTANO SULLE FALSE REALTA' MOSTRATE DALLO SPECCHIO

L'arte?
Uno specchio
L'arte è lo specchio del mondo
e il mondo è il riflesso dell'arte
Sono giunta fino all'arte originale
Specchio del mondo
Specchio magico
Specchio in cui il mondo riflesso prende vita
e fa vivere di flash quotidiani
Una sorpresa ogni giorno
Lei offre una sua nuova verginità
e Lui la coglie
Ogni giorno è il primo
L'emozione è in crescendo
C'è amore
Si
Anche l'arte di vivere
passa per lo specchio
e tutti i mezzi di comunicazione
contemporanei riportano allo specchio
Ci studiamo nelle immagini
che cattura la camera
come in quelle che ci rimanda lo specchio
Poi si comprende
che ciò che tutto offusca è il dubbio
Il dubbio che abbiamo nel nostro cuore quando ci guardiamo
Se siamo rilassati e sicuri di noi
siamo sempre belli come siamo siamo
Le top model lo sanno
Guai se si sentono insicure
davanti alla camera
E' dentro che bisogna essere sicuri
per vincere come si deve
e volare al di là dello specchio.


 

NEL DREAMTIME HO VISTO IL GEROGLIFICO DIVINO APPARIRE SULLE PARETI DEL MIO CORPO TEMPIO

Mi sono sentita un’aliena

fin da quando

ho riaperto gli occhi

su questa terra di dolore.


Dice Gesù:

Voi vi trovate in questo mondo,

ma non siete di questo mondo.



Ho capito

che son veramente parte

di questo sistema solare

da quando ho posto

i piedi sulla terra a cui appartengo da sempre,

sbarcando a Perth,

Western Australia,

dove poi son rimasta dieci anni

dividendomi

tra colonizzatori e aborigeni,

infine

amata e compresa da tutti.


Ero giunta a casa,

lì dove sono apparsa

per la prima volta

su questo pianeta.


In tanti scriviamo,

ci dilettiamo con le piccole emozioni

che riusciamo a donare.

Io non scrivo,

mi lascio scrivere,

lascio che le mie memorie concentriche,

i deja vu,

si aprano in me

come scrittura automatica controllata.


Così mi son trovata

sulla Via dei Canti,

nel Dreamtime

in piena Genesi

ed ho visto il Geroglifico Divino

apparire

sulle mura del mio tempio,

il corpo in cui mi trovo

e che ho sempre violentato

tentando,

come tanti,

di autodistruggermi.

Per giungere ad amarmi

ho attraversato 4 coma

e ancora,

a volte,

malgrado tutto ciò che si apre in me

di meraviglioso

ho voglia di farmi del male

perchè non riesco a farmi amare

come vorrei.


Arte


Mi son convinta

che il mio destino

è essere sposa dell’Arte,

come una vergine

votata al Tempio più alto.


Per gli Aborigeni

tutto ciò che esiste

esiste grazie all’Arte.


La creazione

è l’opera d’arte meravigliosa

del Padre Celeste,

il Grande Sognatore,

e noi, uomini e donne ,

siamo chiamati a mutarci

da custodi della sua creazione

a cocreatori,

forse proprio in questo Terzo Millennio.


E’ questo il travaglio

che ci porterà a partorire

noi a noi stessi

per divenire,

infine,

figli e fratelli del Creatore.



 

 Pag. 1 di 4 [>>]



Cerca su Janula.it!
Cerca il testo


Janula: obiettivo su...

silvana'77
Gli altri Cittadini
Janula: ultimo Cittadino registrato
phelectp
Gli altri Cittadini
Ultimo Blog creato
ASSISTENZA FINANZIARIA ALLA PERSONA
Top 100 Blog!
Ultimo Blog aggiornato
L'ammiraglia vien dalla campagna in su calar del sole
Top 100 Blog!

2003 - Janula.it di Officine Informatiche Srl