HOME PAGE JANULA CASSINO NOTIZIE GENTE UNIVERSITA' BLOG AFFARI EVENTI AIUTO! Accesso Area Riservata Cittadini di Janula Accesso Area Riservata Operatori Aumenta la dimensione dei caratteri
Home Page
Messaggi
Messaggi liberi
Amicizia ed incontri
Auguri e dediche
Nuovo messaggio
Forum
Presentazione
Elenco completo
I più consultati
Ultimi 100 interventi
Crea nuovo Forum
Sondaggi d'opinione
Presentazione
Elenco completo
I più consultati
Crea nuovo Sondaggio
Registrazione a Janula.it
Registrazione come Cittadino di Janula


Username:  Password:  
Password dimenticata?   Registrazione Nuovo Utente 


Forum: Iraq: la pace quando arriverà?
All'inizio tante speranze ma col tempo è come vedere un altro "Vietnam"
Forum istituito da Shannon in data 04-11-2003
per la categoria: Politica e Società
interventi nel Forum: 24
Consultato 654538 volte

Mostra solo i titoli del Forum

Per chi sente offeso dal conenuto d questa sezione del forum
Intervento di gilly79 in data 03-11-2005 (cod. 444)

Vi sdegnalo i seguenti link alternativi:

http://groups.msn.com/BuddismodiNichirenDaishoninSokaGakkay

http://it.groups.yahoo.com/group/forumsokagakkai2/

Saluti
Gilly

 

Da internazionale.it
Intervento di Francesco in data 03-11-2005 (cod. 443)

rivista che accoglie i piu' importanti articoli in giro per il mondo , il cui redattore pochi giorni fa e' stato ospite della Dandini:

La Soka Gakkai puro strumento elettorale:
dal giornale Chuo Koron,febbraio 2005
http://www.internazionale.it/cartoline/cartolina.php?id=8744&issue_id=165&oid=48

"Giappone
Crisi religiosa

Sono passati dieci anni dall'attentato con il gas nervino nelle metropolitane di Tokyo, compiuto dai fedeli della setta Aum. Nel frattempo la società giapponese, non avendo trovato una via d'uscita alla crisi economica, è in preda all'inquietudine e oggi è senza prospettive né speranze.
(...)

E i gruppi religiosi nati nel dopoguerra come Sokagakkai , che ormai si è RIDOTTO a uno STRUMENTO ELETTORALE , sembrano incapaci di rispondere alle esigenze spirituali delle persone, sempre più disorientate e senza radici. Si spera, quindi, nel rinnovamento del buddismo tradizionale, caratterizzato dal suo distacco dagli interessi terreni."

[url]www.internazionale.it/cartoline/cartolina.php?id=8744&issue_id=165&oid=48[/url]

 

gilly79
Intervento di gilly79 in data 02-11-2005 (cod. 442)

Basta cattiverie e falsità sulla Soka non se ne può davvero più

 

gli amici di Ikeda
Intervento di Francesco in data 29-09-2005 (cod. 415)

Oggi la Soka Gakkai SGI sta cercando disperatamente di nascondere il suo periodo bellico, facendo del suo meglio e usando ogni mezzo disponibile per distorcere il suo atteggiamento militaristico del passato. Essi cercano di proiettare l'immagine del gruppo umanitario che ha sempre amato la pace eterna, e ovunque, in ogni occasione, pubblicizzano a gran voce la loro posizione " contraria alla guerra, per la cultura, l'educazione, e l'umanesimo come se fossero sempre stati fedelmente in loro favore.
Invece la realtà indica diversamente. I fatti storici e documentati non possono essere facilmente modificati o cancellati dagli archivi.
Le annotazioni del sig. Tsunesaburo Makiguchi, attentamente documentate negli "Archivi confermati di vita basata sulla filosofia del valore della divinità suprema", pubblicati il 10 agosto 1942, sotto il titolo "Manuale d'istruzioni che riassume gli esperimenti e le testimonianze di vita basata sulla filosofia del valore della divinità suprema", sostanziano il loro punto di vista militaristico:
" ' Sacrifica la tua pelle per tagliare la carne del nemico. Rinuncia alla tua carne per segare l'osso del nemico.' Per mezzo della fedele utilizzazione della ben nota scuola di scherma giapponese di Kendo strategia in vigore durante la guerra, i militari giapponesi sono in grado di conseguire le loro glorie, sempre -vittoriosi
e l' invincibilità nel conflitto Sino- Giapponese e nella guerra del Pacifico, e ciò è motivo di sollievo per le menti dei Giapponesi.
Questa (strategia di sacrificio) dovrebbe essere abbracciata come un'ideale di vita per coloro che sono rimasti al fronte interno e venire applicata in ogni aspetto della vita quotidiana."
Lo stesso manuale è anche riportato nell'agenda per il quarto Meeting Generale della Soka Kyoiku Gakkai tenutosi il 17 maggio del 1942 allo Hitotsubashi Kyoiku Kaikan di Kanda, in Tokyo come segue:

" .... omissis ....Approssimativamente 400 membri erano presenti. Alle 10 del mattino, di fronte al Palazzo Imperiale, una sileziosa preghiera per le perdite della guerra venne offerta. Il meeting proseguì come da agenda. In un altra camera, il Sobi Kado Kai,
la Società dell'Ordine del Fiore (Flower Arrangement Society) , le cui pricipali linee guida ed istruzioni erano basate sulle teorie della" Crezione del Valore" , tenne una sua conferenza nella quale vennero illustrate anche varie tipologie e forme di educazione riguardanti i bambini facenti riferimento alle stesse guide e metodi pedagogici. Questo ha colpito enormemente tutti i presenti , contribuendo ulteriormente al loro apprezzamento per la loro propria vita basata sui meriti della dottrina di " fede uguale vita quotidiana" . Immediatamente dopo la conclusione dei rendiconti del Meeting Generale, il Direttore Toda è stato nominato a presiedere la seguente discussione del meeting con tutti i partecipanti al seguito. Personali testimonianze sono state date sull'argomento di
" Come Stabilire la Fede nella Propria Vita Quotidiana". Dopo di ciò, vi è stata una sessione di domanda e risposta molto seria.Il Direttore Iwasaki è intervenuto successivamente in modo conciso , e infine, il Presidente Makiguchi ha concluso lanciando tre volte il grido di "Banzai" ( Lunga vita all'Imperatore" per Sua Maestà l'Imperatore. Il Meeting si è chiuso senza dilungarsi verso le 4 del pomeriggio"


Il Discorso di Apertura del Direttore Nojima

" Fin da quando è iniziata per la Grande Asia dell'Est la Guerra per la Sfera di Co - Prosperità, i brillanti obiettivi raggiunti dai militari e i gloriosi risultati della guerra (dei militari giapponesi) sono dovuti al fatto che il Sutra del Loto è lo spirito guardiano del nostro paese. Dopo aver ascoltato le rassicuranti notizie della fila di grandi vittorie trasmesse ieri sera dalla radio, io sono sopraffatto dalla gratitudine e ancor di più apprezzo di essere in grado di aprire il Meeting di oggi. "

Il Discorso di Chiusura del Direttore Iwasaki

" Qual'è il normale stato di vita in questo mondo mondano? " La vita stessa è una pesante catena, irreparabilmente schiava dell'individualismo, di intrighi, di gelosie , di tradimenti, di illusioni e di insicurezze. Noi, tuttavia, non siamo, in nessun modo, afflitti da nessuna di queste schiavitù. Quando penso a riguardo a questo stato benedetto, credo che noi si abbia già vinto vittoriose battaglie nella lotta per la Grande Asia dell'Est nella Guerra per la sfera di Co- Prosperità. Come un membro del fronte civile del Divino Impero Giapponese, sono pienamente consapevole della nostra unica grande missione , che abbracciamo responsabilmente. E' il più naturale dei doveri come patrioti quello di creare industrializzazione, onde offrire le nostre abilità professionali e destrezze , salvare il nostro denaro e salvando, condurre delle vite in semplicità e frugalità. Pertanto , se vi è un membro della Soka Kyoiku Gakkai che crede di aver compiuto il suo dovere patriottico come membro di questo fronte civile interno per aver soltanto realizzato i sacrifici di cui sopra, allora egli è in errore. Qual'è quindi la nostra vera missione? E' senz'altro, senza eccezzione, fare shakubuku. Attraverso il nostro shakubuku, noi insegnamo ad altri e spargeremo questa vita densa di felicità in tutta la società. Quando tutte le insicurezze, illusioni, gelosie, tradimenti, catene e afflizioni in questo mondo saranno dissipate, a quel tempo, un indistruttibile fronte interno sarà costruito. Questo fronte civile che mai si arrenderà, lottando fino all'amara fine per stabilire la Grande Asia dell'Est della Sfera di Co-Prosperità non importa quanto lungo ciò possa essere."

Abbiamo trovato questi commenti del periodo bellico , fatti da parte dei membri dela Soka Kyoiku Gakkai lontani dai loro lacrimevoli " no alla guerra" e " pace e amore" che la Gakkai così veementemente reclama

 

CAMPANE BELLE ED ECONOMICHE
Intervento di mariofrance69 in data 01-08-2005 (cod. 394)

IO HO COMPRATO DELLE CAMPANE SU eBAY... date un occhio...
www.ebay.it digitate nel motore di ricerca in alto alla vosta destra la parola "CAMPANA BUDDISTA"

HO TROVATO CAMPANE IN BRONZO DA 9 Cm A 10 Euro
e quella GRANDE DA 18 Cm che la Crea vende a 140 Euro a soli 50 Euro...

 

Superficialità e Inattendibilità
Intervento di Tommaso in data 10-03-2005 (cod. 345)

Caro Francesco,

Mi dispiace veramente che tu abbia ricevuto queste informazioni. Ikeda è un personaggio che noi membri consideriamo un maestro per quello che ha fatto e per l'impegno costante che mette ogni giorno per realizzare la pace nel mondo . Dici ce non fa niente di concreto e cha ci creiamo questa " falsa pubblicità" da soli? La SGI è stata riconosciuta come Organizzazione Non Governativa dall ONU ed ogni anno Ikeda presnta una proposta di pace.
Ti consiglio sinceramente di informarti meglio prima di scrivere articoli del genere perchè quello che hai detto è molto grave ed è falso. Ad esempio ho sentito con le mie orecchie ( non attrverso media manipolati come dici te ) Gorbaciv che parlava dii Ikeda e ti assicuro che ha espresso la sua profonda stima e rispetto per lui e per la nostra organizzazione. Hanno anche scritto un libro assieme, e non mi sembra che Gorbaciov sia stato il leader di un piccolo stato come dici te. E poi ti vorrei far riflettere anche su un'altra verità: il dialogo è alla base della pace.
il fatto che ikeda incontri capi di stato ( anche più o meno integerrimi ) è di per sè un grande segno di apertura che è alla base della convivenza pacifica. Se i capi di stato avessero un simile dialogo, probabilmente situazioni come quella della palestina sarebbero state risolte da anni.
Il komeito:

Il komeito non è mai stato interno alla soka gakkai. E' nato da alcuni membri della soka Gakkai, ma non è affatto comadato da Ikeda sarebbe' come dire che il Papa è segretario della DC.

Insomma, non so perchè tu ce l'abbia così a morte con la SGI, ma ti consiglio solo di informarti meglio e di conoscerla più approfonditamente.

E se ogni tanto qualcuno sbaglia, da noi nessuno ha l'arrognaza di fregiarsi dell'infallibilità papale. Siamo uomini e sbagliamo come tutti, ma gli intenti sono veramente nobili, credimi.

Tommaso

 

2031
Intervento di cholo82 in data 31-10-2004 (cod. 259)

il forum più clikkato da tutti a differenza di quello che aperto io cambia solo il titolo
ma la sostanza è la stessa anche se io ho puntato l'america che lo ritengo il maggior responsabbile della guerra in irak e tante altre .il palazzo dell'ONU dove sta? ma in America. per questo motivo c'è un conflitto d'interessi dato che l'ONU si occupa di mantenere in equilibrio il sistema che è stato concordato tra le maggiori potenze mondiali tra tutti proprio l'america che finanzia bene per i propri interesse . scusate la confusione ma un minimo di verità c'è ,chi nn è d'accordo mi risponda.

 

merce e spirito
Intervento di Francesco in data 08-08-2004 (cod. 215)

La particolarita' di guerre come quella Iraqena sta nel fatto che la motivazione fondamentale risiede nella consapevolezza degli americani in particolare che le risorse d'energia e nella fattispecie quella derivante dal petrolio,sono sempre piu' appetibili e desiderate da sempre piu' gente con il denaro necessario per comprarle o quantomeno per aumentarne il prezzo per tutti
vedi Cina e India e loro impressionanti tassi di sviluppo
altra particolarita' anche un po' paradossale e' che da parte anche occidentale si simulano nobili motivazioni religiose e di difesa della civilta',l'unica civilta'spesso secondo noi occidentali degna di questo nome
argomento SOKA GAKKAI : io l'ho affrontato per il semplice fatto che in questo caso si raggiunge il paradosso dei paradossi , vale a dire un magnate dello status di Daisaku Ikeda padrone di un piu' o meno piccolo impero economico-finanziario-mediatico , appoggia la politica militare dei neocons e di Bush con l'invio tramite il partito Komeito in Giappone,mentre professa un'amore e una lotta per l'affermarsi della Pace e del diritti umani nel mondo, ma solo a chiacchere di fatto e con mostre che puo' facilmente con il suo denaro e quello dei fedeli della Soka, in cui senza alcun ritegno si paragona e si affianca a uomini come Ghandi e Luther King.
Ripeto non facendo assolutamente nulla di veramente efficace , fattivo , politicamente rilevante per la pace e l'armonia tra i popoli.

 

che ne dite di di smettere di pubblicizzare le proprie scelte politico religiose ...
Intervento di dorgan in data 14-07-2004 (cod. 211)

e cominciare a formulare un aprere sul come seriamente dar fine alla guerra che questo millenio si è cucito addosso?
la guerra è dentro di noi...nei piccoli e grandi episodi di intolleranza quotidiana...non è + tempo di coltivarsi l"orto" ogniuno x conto proprio...ci sono troppi interessi che sollecitano la globalizzazione e volenti o nolenti dobbiamo misurarci con la multietnicità...
l'induista nel varesotto conviene xchè si accontenta di poco x sopravvivere e fa florente l'agricoltura el'allevamento dei bovini...come il somalo nel barese che raccoglie pomodori pachito a 20 euro per 13 ore di lavoro giornaliero...o il manovale albanese nell'edilizia..o chissà quanti altri..e solo x restare in italia... la religione in questo fetume non centra...non si tagliano teste x allah..ma x trattare il costo del greggio e il potere in iraq...la politica lasciamola a chi sa vivere solo di chiacchiere...noi ce la sudiamo ogni giorno la nostra pagnotta..tuteliamo la nostra esistenza...impariamo ad usare la nostra libertà espressiva...la nostra libertà di scelta...l'ultima che c'è rimasta...facciamo in modo che " l'orto" sia un'intera città...la pace conviene + a noi semplici che non vogliamo altro che una casa..un lavoro..una famiglia...che a quei signori che si arricchiscono su una comunità affamata ed in assoluta povertà...o che giocano agli indiani x la smania di potere che si porteranno sino alla tomba...

 

CHE NE DITE DI "FRONTE CRISTIANO"
Intervento di Simone in data 04-07-2004 (cod. 210)

Tra BG e MI ci siamo riuniti in un COMITATO per esprimere una posizione seria e LAICA
(a dispetto del nostro nome "CRISTIANO" che indica solo un'apparteneza CULTURALE) contro
l'invasione islamica (e le altre invasioni) in EUROPA e in ITALIA. Non apparteniamo ad alcun
partito politico se non a noi stessi e non siamo di nessuna area specifica!!!

Se vuoi vedere tra l'altro di cosa sono capaci i nostri fratelli islamici nel 2004 vai a
www.ogrish.com e scarica i video delle varie decapitazioni.

Sei interessato? Vuoi saperne di più e darci una mano? Scrivici a angippi@interfree.it

 

Soka Gakkai
Intervento di effezanotti in data 07-06-2004 (cod. 208)

Vorrei fare i complimenti a Panormita questo è il tipo di critica nei confronti della Soka che tuttavia leggo volentieri… perché non insulta i membri e non accusa Ikeda di essere un potente mafioso ma entra nel merito di problemi provabilmente reali… a Francesco chiedo di mettere anche qualche parolina sua e di non limitarsi a fare dei copia–incolla.

Premetto che io sono un membro della Soka, felice di esserlo, non sottilmente plagiato, nel pieno delle mie facoltà mentali, estremamente vigile, critico ed autocritico, ecc

Comunque cosa posso dire, io sono abbastanza bene informato sui problemi che ci sono stati e che ci sono tuttora nell’associazione… quelli sono reali a differenza di tante notizie false che girano in internet…

Partiamo dall’inizio, sarò un po’ lungo ma non posso fare a meno, non voglio rispondere alle provocazioni ma cercare di fare chiarezza: E’ successo negli scorsi anni che ad un certo punto la Soka italiana ha assunto un atteggiamento troppo “rigido” sul modo di praticare o meglio di gestire le proprie attività… si era giunti al punto che un praticante si potesse trovare a fare attività tutti i giorni della settimana con ritmi incredibili, e certe volte questo creava problemi ai membri che per fare attività finivano magari col trascurare la propria famiglia o comunque la propria vita privata, questo certe volte portava a frustrazioni, a problemi di diverso genere… il presidente Toda diceva (vado a memoria e con parole mie) che chi pensa solo all’attività ma trascura la propria vita non è un vero membro della Soka ma è una persona che gioca alla Soka… in questi anni in molti hanno giocato alla Soka… ma continuiamo con questo rapido excursus storico: poi è successo che ci si è irrigiditi su alcune regole… per fare un esempio: i praticanti ricorderanno le discussioni sul fatto “se un praticante potesse o meno fumarsi le canne”… la Soka era entrata in una sfera che non le competeva… noi creiamo valori e non regole!!! nel buddismo della Soka non esistono imposizioni ma esiste una filosofia del valore molto complessa che si basa sul libero arbitrio, non ci sono comandamenti … ma questo alcuni responsabili non l’avevano capito… ad un certo punto certi responsabili hanno iniziato a credersi legittimati nell’assumere un atteggiamento autoritario… convinti di aver capito tutto del buddismo hanno iniziato ad impartire ordini convinti d’essere l’unto del Budda.. ai vertici è iniziata una disputa per questioni di potere… nell’associazione si sono quindi formate fazioni non proprio in lotta tra loro ma molto irrigidite sulle proprie posizioni… va comunque fatto notare che si è quasi sempre riusciti a restare nella sfera del dialogo e del confronto… per ora di scissioni non ve ne sono state… tornando alla storia, tutto questo raccontato fino ad ora è evidentemente all’opposto dello spirito della Soka Gakkai e di ciò che Daisaku Ikeda insegna… da qui si è passati ad una fase di grande caos dove quasi tutti sospettavano quasi tutti ma nessuno sapeva bene di cosa… dico quasi perché poi molti altri praticanti (io credo la maggior parte) hanno continuato nella loro personale rivoluzione umana badando poco ai litigi tra responsabili… in molti hanno anche smesso di praticare ma può andare bene anche questo, ci può stare, perché no?!?! Non saranno certo puniti da nessun Dio… nel buddismo non c’è un Dio che giudica… bene, io credo che tutto questo sia naturale ed anche gia previsto da tempo da Ikeda… è normale, estremamente normale, e forse positivo… oggi esiste ancora un po’ di confusione all’interno dell’associazione ma sta nascendo un movimento di rinascita eccezionale… non bisogna però forzare i tempi tutto deve avere un corso naturale… in Italia il buddismo diffuso dalla Soka esiste da pochissimo, in una prima fase il buddismo è arrivato in italia portando con se degli atteggiamenti culturali tipici giapponesi e si è fuso con una cultura che affondava le proprie radici in quella cattolica (basata sul senso di colpa, il concetto il peccato, la riverenza nei confronti delle autorità ecclesiastiche, ecc )… oggi però cosa succede, succede che in molti (non tutti), invece di guardare avanti e ripulire la pratica dagli atteggiamenti giapponesi che non possono armonizzarsi con la nostra cultura e di ripulire la pratica dai condizionamenti della cultura cattolica italiana se ne stanno a litigare allontanandosi da quel meraviglioso, cristallino e rivoluzionario insegnamento che è il Buddismo di Nichiren Daishonin (l’essenza del Sutra del Loto)… facendo il gioco di chi teme la Soka… Comunque la cosa positiva è che in Italia stanno nascendo molti movimenti di base con praticanti che ritrovandosi a studiare e partendo dal fantastico libro il mondo del gosho, stanno ricercando la vera essenza del buddismo… guardate che lo stesso è successo più di mille anni fa quando il buddismo è arrivato in Cina partendo dall’India… è tutto normale!!! Sono convinto che Ikeda avesse previsto tutto, la mistica legge non perirà mai, mi spiace per chi vuole far morire la Soka ma la Soka grazie hai problemi che sta affrontando diventerà ancora più forte o meglio i praticanti diventeranno ancora più forti, individualmente, la Soka è un movimento per l’empowerment della gente e per la gente!!! La Soka non è stata creata da Toda e Ikeda come un fine ma solo come un mezzo, il fine sono gli individui, la loro felicità!! E per quanto mi riguarda ha funzionato e funziona tuttora… quindi cari compagni di fede non perdetevi in mille discussioni inutili ma mettetevi in discussione individualmente e unite al daimoku (la preghiera) una buona dose di studio, io vi consiglio: il buddismo in cina (bompiani), il mondo del Gosho (esperia), la saggezza del Sutra del Loto soprattutto il 4° volume (esperia), Hoben e Jurio (esperia), la Rivoluzione Umana (tutta), il gosho (tutti), le proposte di pace di Ikeda (le ultime tre in particolare)… io sono convinto che buona parte dei responsabili giapponesi aspettano di grazia di vedere i praticanti italiani alzarsi per seguire veramente gli insegnamenti di Nichren e dovremmo iniziare a guardali non con riverenza ma come un’importante fonte di scambio culturale… finalmente il buddismo sta diventando anche un fenomeno italiano a tutti gli effetti preparando le basi per un glorioso futuro di pace nel mondo!!! Forza!!! E non dimenticate che la Soka in Italia come nel mondo ha molti nemici esterni: c’è chi teme per una nuova religione che ha in se la purezza di un cristallo ed è destabilizzante per chi ritiene gli individui solo dei mezzi per il proprio potere!!! (ad esempio i nazionalisti ed i guerra fondai) Molte delle calunnie infamanti che girano sono diffuse proprio da sto gente che ci definisce una setta socialista, un movimento di pazzi invasati, ecc noi dobbiamo dimostrare che il movimento della Soka è un movimento nonviolento, che nulla a che fare con la politica di partito, puro ed estremamente tollerante, aperto e basato sul dialogo creativo che apprezza ogni forma di vita ed ogni modo di pensare… Per quanto riguarda il calo delle offerte bisognerebbe aprire un nuovo capitolo ma ho gia scritto troppo… poi finisce che non legge più nulla nessuno… Ciao a tutti e buona vita, Fabrizio

 

Altro su Soka
Intervento di Francesco in data 29-05-2004 (cod. 203)

lunedì 22 dicembre 2003, 1:55
Scrivo dopo aver letto sul n. 45 della rivista, l'articolo “Il business del neo buddismo” di Brunella Saccone. Premetto che sono un aderente all'Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai appena dimesso, dopo parecchi anni di appartenenza allo stesso. Infatti, pur continuando a seguire la strada indicata dal fondatore, Nichiren Daishonin, non riconosco più nell’Istituto in argomento le caratteristiche né della grande tradizione del buddismo classico, né degli insegnamenti del Daishonin, né dei principi che sottendono la promozione della pace e dei diritti umani cui l’Istituto afferma di dare impulso. Il titolo dell’articolo della sig.ra Saccone promette bene, ed il contenuto ha il pregio di descrivere tante contingenze della Soka Gakkai, anche se con alcune imprecisioni, a volte di piccola entità, a volte più rilevanti, come ad esempio l’attribuzione a Nichiren stesso, anziché alle distorsioni dottrinali operate dalla Gakkai, circa le modalità della recitazione del Mantra. Evidentemente la vostra corrispondente non è a conoscenza dei veri problemi che hanno portato l’associazione, negli ultimi anni, ad essere attraversata da una deriva autoritaria operata dalla dirigenza verso tutti gli aderenti e discriminatoria verso quelli che non la accettavano, tentavano discussioni e avanzavano critiche e, cosa assolutamente imprevedibile da qualcuno che si definisce buddista, verso alcune categorie di credenti, come ad esempio i disabili e gli omosessuali. In alcune zone questa ondata ha legittimato e autorizzato il comportamento prepotente, violento e lesivo della dignità delle persone anche da parte di alcuni responsabili intermedi che hanno dato origine a vere e proprie azioni intimidatorie e ricattatorie nei confronti di tutti. E’ importante parlare della sofferenza causata a tanti: molte persone sono state calunniate e linciate moralmente e non sono mancati anche i casi di violenza fisica. E dire che lo scopo della pratica buddista è quello di affrontare e trovare un rimedio alla sofferenza nel mondo! Gli effetti pratici di questa guerra interna sono stati molteplici: dal crollo delle presenze alle riunioni, al drastico abbassamento delle contribuzioni economiche volontarie da parte dei membri, in alcuni casi si dice sia possibile quantificarlo attorno al 70%, ad una moltitudine di querele contrapposte e ricorsi alla magistratura. I fatti che sto narrando sono suffragati non soltanto dalle testimonianze di molti aderenti ed ex aderenti, ma anche da alcuni articoli pubblicati su riviste specializzate da professori universitari nel campo dei fenomeni sociologici presentati dalle cosiddette “nuove religioni” e soprattutto da documenti di scuse e giustificazioni che alcuni dirigenti dell’Istituto sono stati costretti a presentare. Ma questo periodo di sbandamento nella vita dell’Istituto, che ormai dura da più di tre anni, tuttavia non trova soluzione: il Consiglio Direttivo, nonostante la sostituzione di quei dirigenti che più di tutti avevano spinto verso l’autoritarismo, resta ingessato dalla sua dipendenza dal Giappone e dal ricatto della scissione di chi sostiene i dirigenti autoritari sostituiti. Inoltre molti dei quadri dirigenti attuali sono stati selezionati dalla stessa ondata autoritaria, e non sono disponibili ad un vero dialogo con la base. Attualmente la deriva autoritaria sembra apparentemente rientrata a seguito del movimento di protesta spontanea sorto nell’Istituto, ma purtroppo non è così perché qualsiasi dialogo anche tra la nuova dirigenza dell’Istituto e la base degli aderenti è assolutamente stato negato, perché la prima continua ad essere completamente vincolata da scelte ormai prestabilite fatte per tutti dalla casa madre giapponese, la quale non ritiene opportuno che ci sia un confronto democratico volto a decidere le scelte future dell’Istituto. Le cifre sugli interessi della Gakkai citate nell’articolo dalla sig.ra Saccone sono grossomodo esatte, anche se espresse per difetto, ma soprattutto vi sono interessi di cui non è a conoscenza legati alla stipula, in itinere, dell’intesa tra lo Stato e l’Istituto che comporterà parecchi benefici come l’apertura di scuole e la costruzione di cimiteri in Italia, ma soprattutto l’accesso alla contribuzione dell’8°/oo. Evidentemente non sa che in questi interessi affondano le radici dei dissapori all’interno dell’Istituto. Su Internet sono presenti parecchi gruppi di discussione sui problemi della Soka Gakkai in tutto il mondo, visto che in tutti i paesi dove ha registrato un certo successo di aderenti si sono poi manifestati puntualmente i problemi cui sopra ho accennato. In Italia uno di questi supera i 600 iscritti. Ritengo infatti che l’opinione pubblica vada informata, a fronte del proselitismo cui i membri della Gakkai si dedicano non sempre coscienti ed informati, spesso sottilmente plagiati dalla promessa che alle loro attività corrisponderà l’ottenimento dei tanto sospirati benefici.
panormita , Roma


 

La soka è...
Intervento di quark in data 19-05-2004 (cod. 197)

... una kosa meavigliosa!

 

Ma che è la Soka?
Intervento di Cyborg in data 17-05-2004 (cod. 196)

Ragazzi, qualcuno può spiegarmi che roba è la Soka?
E poi una proposta: perche' non aprite un forum apposta, visto che questo è dedicato alla guerra in Iraq? (anche se non interessa a nessuno!)

 

Grande Sabrina
Intervento di effezanotti in data 15-05-2004 (cod. 195)

Ciao Sabrina sono Fabrizio mi spiace ma oggi ho poco tempo mi sarebbe piaciuto poterti rispondere con calma.. io sono un membro della Soka e ti assicuro che ciò che è stato scritto nel posto precedente è estremamente tendenzioso e ha come unico scopo screditare, infangare e calunniare la Soka... sono i soliti copiae incolla che si trovano in giro... ci sono un sacco di forum dove sempre le stesse persone copiano e incollano sempre la stessa robaccia.. poi cerchi di confrontarti con loro su contenuti filosofici e religiosi e se si accorgono che sai il fatto tuo scompaiono... sono dei vili che gettano fango su persone estremamente impegnate per la pace nel mondo... ikeda sarà ricordato come un grande maestro di pace... poi sicuramente nella soka ci saranno persone che non si comportano bene, con arroganza e stupidità ma la soka è fatta di porsone ciò che conta è il principio originale che sta alla base di questo movimento ossia che tutti gli esseri viventi sono dotati della stessa, profonda e meravigliosa buddità (dignità umana)... vedi anche questo forum http://www.seniorweb.ch/foren/i/viewtopic.php?v=1&forum_id=6&topic_id=33#top devo andare!! appuntamento con il dentista!! ciAO

 

Inserisci il tuo intervento nel Forum
Nome di chi inserisce l'intervento
Titolo breve dell'intervento (obbligatorio)
Testo dell'intervento (obbligatorio)


 Pag. 1 di 2 [>>]


Cerca su Janula.it!
Cerca il testo


Janula: obiettivo su...

PMSEUROPA
Gli altri Cittadini
Janula: ultimo Cittadino registrato
villoni
Gli altri Cittadini
Ultimo Sondaggio Cittadini
AIUTO ALLA PERSONA IN DIFFICOLTÀ
Altri Sondaggi
Ultimo Forum Cittadini
OFFERTA DI PRESTITO TRA PRIVATO ( lauracredito2000@gmail.com )
Altri Forum
Ultimo intervento nei Forum
OFFERTA DI PRESTITO DE DINARO URGENTE QUI
Ultimi interventi
Ultimo Messaggio
ASSISTENZA FINANZIARIA ALLA PERSONA
Messaggi liberi
Amicizia e incontri
Auguri e dediche

2004 - Janula.it di Officine Informatiche Srl