HOME PAGE JANULA CASSINO NOTIZIE GENTE UNIVERSITA' BLOG AFFARI EVENTI AIUTO! Accesso Area Riservata Cittadini di Janula Accesso Area Riservata Operatori Aumenta la dimensione dei caratteri
Home Page
Messaggi
Messaggi liberi
Amicizia ed incontri
Auguri e dediche
Nuovo messaggio
Forum
Presentazione
Elenco completo
I più consultati
Ultimi 100 interventi
Crea nuovo Forum
Sondaggi d'opinione
Presentazione
Elenco completo
I più consultati
Crea nuovo Sondaggio
Registrazione a Janula.it
Registrazione come Cittadino di Janula


Username:  Password:  
Password dimenticata?   Registrazione Nuovo Utente 


Forum: Padri separati e bigenitorialità
Il diritto di amare i propri figli
Forum istituito da cosmo de la fuente in data 21-11-2005
per la categoria: Politica e Società
interventi nel Forum: 6
Consultato 34220 volte

Mostra solo i titoli del Forum

Università
Intervento di GLA in data 14-01-2014 (cod. 1297)

Buonasera,
Sono separato dal 2008 e ora in fase di divorzio, nonostante io abbia sempre versato il mantenimento ben oltre le mie possibilità economiche, ora ancor più precarie, pretendono paghi anche l'università ! Ora come fanno quei ragazzi che per studiare ed avendo i genitori poco abbienti lavorano? Ma sono davvero obbligato anche non potendo? Esiste qualche sentenza in merito? Possibile che non ci sia modo di non essere definitivamente massacrato? Attenzione premetto che sono un padre che ha sempre fatto e dato tutto e mia figlia ha un tenore di vita invidiabile....ma ora sono allo stremo....non riuscirei a sostenere obbligatoriamente anche questa di spesa...come posso fare? Grazie di cuore a coloro che mi daranno un consiglio utile. Andrea

 

mantenimento ordinario
Intervento di Luca.C in data 21-03-2012 (cod. 1276)

Sono separato consensualmente da due anni.Da quattro mezi non corrispondo il mantenimento ordinario per i bambini.Tutto questo perchè sono in crisi con la mia azienda.Fra l'altro sono in ritardodi circa nove mesi per le spese extra al 50% tutte le volte che ho con mia ex discussioni automaticamente fa in modo di non darmi i bambini nei giorni infrasettimanali prestabiliti insede di separazione.Posso continuare a sottostare a questi ricatti considerando la mia mancanza economica del momento,e ricevere minacce di togliermi l'affidamento conquinto dei bambini?
aiuto!!!!!

 

consiglio su affido (possibilità di scelta da parte del figlio) e convivenza
Intervento di marmottina in data 19-02-2007 (cod. 657)

Salve a tutti signori e papà d'Italia,
scusate se mi intrometto ma vorrei chiedervi un parere "legislativo" e anche personale.
Il mio fidanzato è separato e in procinto di chiedere il divorzio. Ha due figli che naturalmente all'epoca della separazione furono affidati alla madre; manco a dirlo lei fa un sacco di storie ogni volta che il figlio vuole andare dal padre (limiti di orari assurdi, ecc..), mentre la figlia va già di suo poco a trovarlo probabilmente perchè la madre è riuscita a mettergli in testa che il padre è uno che non vale niente.Essendo io stessa figlia di separati e avendo vissuto con mia madre so bene di quali "indottrinamenti" esse siano capaci!
Ora il mio compagno vorrebbe chiedere l'affido del figlio.
Io mi ricordavo che la legge dicesse che compiuti i 14 anni il figlio potesse scegliere con chi stare, ma una mia amica, il cui fratello è separato, sostiene che invece il figlio pò esprimere una preferenza, di cui il giudice può anche non tener conto (nel caso di suo fratello infatti nonstante la figlia avesse espresso la preferenza di vivere col padre il giudice l'affidò la madre tanto per cambiare): cosa dice esattamente la legge?
Inoltre un'eventuale convivenza tra me e il mio compagno a casa sua (o un eventuale futuro matrimonio) potrebbero secondo voi avere un effetto negativo o positivo sulla decisione del giudice?
Io pensavo che la cosa potesse avere un'influenza negativa sul giudice (sul figlio no perché ci conosciamo e abbiamo un buon rapporto), ma diverse persone invece mi han detto che la presenza di una donna adulta in casa può essere invece valutata in modo positivo.. voi che ne pensate?
Grazie per avermi ascoltata!

 

Per chi vuol saperne di più
Intervento di gioele in data 31-05-2006 (cod. 595)

Vai a vedere, se puoi, il blog di Cosmo, è importantissimo
http://www.familiafutura.blogspot.com

 

aiuto
Intervento di fracesco59 in data 21-05-2006 (cod. 581)

Volevo chiedere cosa cosa posso fare ho una situazione da ko in tutti i sensi per colpa della mia ex sono sul orlo di un baratro da cui non so come uscire
quando ci siamo separati 5 anni fa mi ha fatto spendere tutto quello che avevamo avuto dalla vendita della nostra casa fra avvocato, ctu, affitto, e comprare nuovi mobili per la casa dove vivo con una delle mie figlie che a scelto di vivere con me
al epoca aveva 14 anni e a subito tutto il male che la mia ex e i suoi genitori ci hanno causato rifutavano di farci vedere l altra figlia che aveva 2 anni per futili motivi chiamando icarabinieri se insistevo per vederla e siccome hanno un parente maresciallo questi davano quasi sempre torto a me
mi hanno accusato falsamente di aver addirittura rotto un dito a mia suocera dopo che per la sua stupidita se l era fatta da sola e quando mia figlia a testimoniato in tribunale a mio favore sua madre e stata piu di un anno senza volerla vedere e anche se ogggi ogni tanto si incontrano non puo salire in casa dei nonnni per dargli auguri di natale feste e altro perche sua nonna non la vuole piu vedere
adesso io e lei viviamo con il mio stipendio che era di 1300 euro ma per pagare l avvocato e tutto il resto ho dovuto fare debiti ed e sceso a 700euro di cui 600 vanno via solo per l affitto di casa mia figlia sta facendo il servizio civile e gli danno 400euro al mese
e lei mi aiuta come puo
la mia domanda e le pari opportunita esistono solo per le donne o anche l uomo a diritto ad essere aiutato dal coniuge che a piu disponibilita finanziarie?
grazie in anticipo per la sua cortese attenzione e se puo darmi un consiglio io sono davvero disperato vede a volte penso che fanno bene quei mariti che ammazzano le mogli perche si risparmiano un sacco di grane e nervossismi e forse ne soffrono meno i figli perdoni questo mio sfogo ma come le gia detto non so piu a chi chiedere aiuto ,i servizi sociali si basano sul mio stipendio lordo ma non su quello che veramente mi rimane del mio stipendio
ringraziando chiunque possa darmi consiglio su come fare
grazie francesco59



 

Otto a mamma e Otto a papà
Intervento di cosmo de la fuente in data 21-11-2005 (cod. 447)

Otto a mamma e otto a papà

Gabriele era nato all’interno di una bella famiglia, almeno, agli occhi degli altri sembrava un gruppo familiare fortunato. Spesso veniva definito ‘figlio di papà’, in realtà, pur vivendo nell’agiatezza, dimostrava essere un ragazzino che non si era mai montato la testa. Aveva chiesto di frequentare le scuole statali e non quelle private perché non voleva abbandonare gli amici di cortile.
Un ragazzino intelligente e allegro, non sapeva cosa succedeva alle sue spalle e che i suoi genitori stavano decidendo di separarsi per incompatibilità di carattere.
Quando i genitori si separarono Gabriele aveva solo dieci anni, e visse nella maniera più triste questa separazione. La sua adorata mamma, la persona che amava di più, si era trasformata in una fiera e, non accontentandosi di togliere economicamente il più possibile a suo padre, era riuscita ad allontanarlo completamente dal figlio,senza nemmeno chiedersi se al piccolo, invece, avrebbe fatto piacere continuare a vedere il suo “eroe”, il suo papà.
Oggi Gabriele è un uomo affermato, quando mi parla degli anni della sua adolescenza, i suoi occhi diventano tristi. Amava sua madre e non capiva perché gli faceva un danno così grande. Spesso si chiedeva come faceva quella donna, che lo aveva cullato e coccolato, a non rendersi conto che gli stava procurando un dolore atroce?
Gabriele è cresciuto senza il suo papà. A quel povero padre sommerso di false accuse e miseri giochi legali è stato negato di frequentare il bambino. Quel ragazzino però non ha dimenticato mai il suo papà, lo scorgeva in lontananza quando come un ladro il pover’uomo andava a vedere suo figlio all’uscita dalla scuola.
L’amore che Gabriele provava per la mamma presto cominciò ad avere due facce: una era il sentimento che lega un figlio alla propria madre, l’altra faccia, invece, si colorava del rancore che sarebbe esploso più in là negli anni.
Compiuti diciott’anni Gabriele fece la valigia e, prima di uscire di casa, disse a sua madre queste testuali parole: “ cara mamma, non discuto il fatto che tu e mio padre vi siate separati, non voglio nemmeno sapere se lui era un poco di buono. Per me era un padre affettuoso e mi hai fatto troppo male, ora, che posso, me ne vado e se otto anni sono stato lontano da mio padre, otto anni starò lontano da te.
Gabriele decise questo e lo fece, andò da suo padre che lo accolse a braccia aperte.
Oggi lo raccontano facilmente e quando si parla di bigenitorialità narra la sua storia in piena libertà. Conosco anche il padre e me ne parla apertamente, mentre la madre, che ho avuto modo di vedere, conserva, nello scrigno della sua coscienza, questo peccato.
Cos’ha ottenuto la mamma di Gabriele? Credo che il rancore del figlio non si assopirà mai! Ha goduto del mantenimento del suo ex marito e ha vietato a un essere umano di veder crescere il proprio figlio. Che tristezza!
Care signore che decidete per la vostra vita, per quella dei vostri ex e soprattutto per le vite dei vostri figli, commettete un crimine contro l’umanità. Dittatrici e ignoranti, crudeli e venali, vendicative ed egoiste, imparate dai vostri figli e da quelle donne che intelligentemente si rendono conto che un figlio è una persona a sé, quelle donne dotate di sensibilità che non infieriscono sui bambini privandoli del padre. Un figlio ha una mamma e ha un padre, domani vi ringrazierà di non avergli amputato una parte di cuore.
Cosmo de La Fuente
http://www.newsletter.it/categorie/sub_lista.asp?idlista=10095

 

Inserisci il tuo intervento nel Forum
Nome di chi inserisce l'intervento
Titolo breve dell'intervento (obbligatorio)
Testo dell'intervento (obbligatorio)


 Pag. 1 di 1 


Cerca su Janula.it!
Cerca il testo


Janula: obiettivo su...

The BeaTers
Gli altri Cittadini
Janula: ultimo Cittadino registrato
Martino Bevere
Gli altri Cittadini
Ultimo Sondaggio Cittadini
AIUTO ALLA PERSONA IN DIFFICOLTÀ
Altri Sondaggi
Ultimo Forum Cittadini
OFFERTA DI PRESTITO TRA PRIVATO ( lauracredito2000@gmail.com )
Altri Forum
Ultimo intervento nei Forum
OFFERTA DI PRESTITO DE DINARO URGENTE QUI
Ultimi interventi
Ultimo Messaggio
ASSISTENZA FINANZIARIA ALLA PERSONA
Messaggi liberi
Amicizia e incontri
Auguri e dediche

2004 - Janula.it di Officine Informatiche Srl