HOME PAGE JANULA CASSINO NOTIZIE GENTE UNIVERSITA' BLOG AFFARI EVENTI AIUTO! Accesso Area Riservata Cittadini di Janula Accesso Area Riservata Operatori Aumenta la dimensione dei caratteri
PrimaPagina
Comunicati del Comune di Cassino
Comunicati dell'Università di Cassino
Le News di Janula.it
Cronaca
Economia e Lavoro
Ambiente e Territorio
Istruzione e Formazione
Spettacolo e Cultura
Scienza e Tecnologia
Medicina e Salute
Divertimento e Vita sociale
Hobby e Sport
Janula.it
Archivio completo
Archivio News
Archivio Comunicati
Inserimento
Accesso Redazioni
Accesso Operatori


Username:  Password:  
Password dimenticata?   Registrazione Nuovo Utente 


Cassino / Vaccini, pronta la perizia sulle "dosi al mercurio"
News del 27-02-2004 di:Redazione La Provincia Logo La Provincia
per la rubrica: Medicina e Salute

Cassino (26-02-04) - La vicenda del risarcimento milionario, in euro, concesso da un tribunale milanese a favore dei familiari di un bimbo incappato in una vaccinazione che lo aveva reso paralitico, costringendolo a gattonare a scatti dopo neanche un quarto d’ora dalla somministrazione, ha fatto, oltre che scalpore, qualcosa di più: ha letteralmente mandato in tilt il telefono dello studio ambulatoriale di Achille Scerbo, il medico sanvittorese che aveva denunciato nel settembre del 2001 la pericolosità dei vaccini al mercurio. Dalla Procura della Repubblica di Cassino fanno intanto sapere che il fascicolo di inchiesta che chiede da due anni il sequestro cautelativo su tutto il territorio nazionale dei vaccini trivalenti al mercurio, fortemente sospettati di poter avvelenare percentuali rilevanti di neonati con il metallo pesante, sta per approdare alla sua fase cruciale; fra una settimana verrà infatti consegnata nell’ufficio del Sostituto Procuratore della Repubblica di Cassino, Paolo Andrea Taviano, la relazione del perito d’ufficio, nominato allo scopo di accertare se sia presuntivamente dimostrabile il nesso di concausalità fra le vaccinazioni al “thimerosal” e le gravi malattie che hanno colpito nel corso degli anni molti bambini, raggruppati nella poco gratificante categoria dei “bimbi di gomma”.
E’ andata un po’ così, come magari non speravamo che andasse, che cioé il “solito” avvenimento di cronaca nazionale funge da volano per una battaglia, battaglia che è vicenda giudiziaria, che proprio da Cassino aveva visto i suoi esordi.
L’allarme era corposo, lo si ricorderà, con il medico cassinate che, assieme al collega pugliese Massimo Montinari, aveva chiesto che tutti i vaccini pediatrici stabilizzati con il mercurio fossero ritirati dal commercio per supposta pericolosità. Secondo il voluminosissimo fascicolo sottoposto all’attenzione dei giudici, quelle trivalenti potrebbero essere responsabili di malattie gravi del sistema nervoso, già a suo tempo paventate dal servizio sanitario statunitense, che già nel ‘99 aveva fortemente sconsigliato l’uso di quei vaccini. L’Italia aveva invece nicchiato, con i magazzini rigurgitanti di scorte invendute al mercurio, e la Regione Lazio aveva fatto di più: nel Burl della scorsa estate era stata fissata la proroga di altri mesi per l’eliminazione dei vaccini trattati con il mercurio, e 70.000 dosi erano state messe in commercio durante la scorsa “infornata” vaccinatoria di fine anno. E’ chiaro che il nesso causa effetto fra vaccini vecchio tipo e tetraparesi come quella che ha colpito il piccolo milanese dopo l’inoculazione è ancora tutto da dimostrare, ma sa da Cassino, magari fra sette giorni, facesse capolino un’altra, scomoda verità?

Autore: Giampiero Casoni


Cerca su Janula.it!
Cerca il testo


Comune di Cassino
CASSINO: bando pubblico per gestione accoglienza richiedenti asilo e rifugiati
Altri comunicati del Comune
Cassino, ultimo Comunicato degli altri Operatori
Gold4Change
Archivio completo dei comunicati

2003 - Janula.it di Officine Informatiche Srl